Vigolzone – Niviano 3-4

VIGOLZONE:

Raffetti, Siero, Maurizi, Bazzarini, Perrella, Aquino, Viani (69 Forlini), Molinelli, Baldanti, Salvaggio (79 Baldini), Tasev

Allenatore: Manini

 

NIVIANO:

Sebastiani, Tramelli, Magagni, Bertuzzi, Mezzadri (85 Agnelli), Scanzaroli (90 Abbonante), Rossi (69 Villa), Porcari, Raggi, Gangi, Grassi

Allenatore: Alberti

 

GOAL: 20 Tasev (V), 41 Gangi (N), 54 Molinelli aut (N), 55 rig, 78 rig. Baldanti (V), 70, 87 Raggi (N)

Arbitro: Matteo Fermi di Piacenza

 

PRIMO TEMPO:

Partita rocambolesca oggi sul Comunale di Vigolzone. A far visita agli uomini di Manini un agguerrito Niviano, che a dispetto della classifica, ha dimostrato di aver raccolto sicuramente meno di quanto meritato.

Parte meglio il Vigolzone, sempre in pressing alto, la difesa rossoblu fa buona guardia fino al 20° quando dalla destra Bazzarini mette in mezzo una bella palla per l’accorrente Tasev che non sbaglia e fa 1-0.

Al 28° punizione di Baldanti che esce di un soffio.

Al 41° azione confusa in area del Vigolzone, dopo un batti-ribatti la palla arriva a Gangi che con un colpo al volo mette in rete per l’ 1-1.

 

SECONDO TEMPO:

Inizio ripresa scoppiettante: al 54 corner per il Niviano, deviazione accidentale di Molinelli e la palla finisce in rete per l’ 1-2 ospite.

Non passa neanche un minuto che l’arbitro assegna un rigore al Vigolzone per fallo di mano in area. Sul dischetto va Baldanti che non sbaglia: 2-2.

Al 70 palla che arriva a Raggi che è lasciato colpevolmente libero di girarsi, accentrarsi e lasciar partite un bel tiro a giro sul secondo palo dove Raffetti non può arrivare, Niviano in vantaggio 2-3.

Al 78 ancora un rigore per i padroni di casa, questa volta per atterramento in area di Salvaggio, batte Baldanti che non sbaglia e riporta il Vigolzone in parità: 3-3.

Il Vigolzone a questo punto tenta il tutto per tutto riversandosi in avanti in cerca della vittoria, ma viene castigata ancora una volta da Raggi, che lanciato sul filo del fuorgioco, dal limite dell’area lascia partire una botta che non lascia scampo a Raffetti segnando il 3-4 finale.